Camminando nei Parchi

Il progetto di dare vita a delle aree naturali protette nel territorio circostante il comune di Milano sta andando avanti da anni con successo, tanto che oggi si può dire che esiste un vero e proprio anello verde che circonda questa grande metropoli, costituendone il polmone naturale.

La necessità di accorpare i diversi parchi già esistenti è una delle priorità più sentite, ed è anche una realtà che sta piano piano prendendo forma. Ad esempio, nel mese di dicembre scorso è finalmente stata approvata l’unione tra il Parco della Balossa e il Parco Nord. Tale unione ha diversi scopi. Il primo è quello istituzionale, poiché nel momento in cui essi vengono riconosciuti come un’unica entità è più facile escogitare delle strategie comunitarie e coordinate, senza che si creino conflitti di interesse. Il secondo è quello di far sì che anche la cittadinanza possa sentire il territorio come un unicum, e non come un insieme di realtà distinte che non hanno molto a che fare l’una con l’atra. Per raggiungere questo obiettivo da qualche tempo i comuni che fanno parte dell’hinterland milanese hanno pensato di coinvolgere anche le scuole: in particolar modo il Comune di Cormano ha messo in atto una serie di provvedimenti che coinvolgono gli studenti e gli istituti scolastici. Tali provvedimenti servono a far nascere e sviluppare nei più giovani una più forte sensibilità nei confronti dell’ambiente circostante, ma anche e soprattutto a far assumere loro dei comportamenti salutari. Infatti il modo in cui si vuole promulgare la conoscenza del territorio è quello di organizzare delle gite a piedi, o attraverso l’iniziativa cosiddetta del “Pedibus”, o attraverso scampagnate coordinate dai docenti che servono a far fare esercizio fisico ai ragazzi e allo stesso tempo a stimolare la loro curiosità nei confronti del mondo circostante. Uno degli istituti scolastici che si è distinto in questo senso è stato l’Istituto Comprensivo “A. Manzoni”, che nello scorso anno scolastico ha concretizzato una serie di appuntamenti a cui i ragazzi hanno preso parte ben volentieri. Tanto è stato il successo dell’iniziativa che anche quest’anno verrà replicata: le passeggiate, per il biennio 2015/2016, si svolgeranno nel Parco della Balossa, alla scoperta di tutte le sue particolarità naturalistiche e dei molteplici spunti che offre ad un’osservazione di flora e fauna. L’anno passato invece i ragazzi hanno visitato il Parco Tobagi e il Parco di Villa La Gioiosa (classi prime); il Parco Brusiglio/Bruzzano e Villa Manzoni (classi seconde). Alla fine di ogni visita ai ragazzi venivano sottoposti compiti e questionari per approfondire la conoscenza e la comprensione di ciò che avevano potuto vedere con i loro occhi. Questa iniziativa ottiene così diversi scopi. Camminare all’aperto è un’attività altamente consigliabile a tutti, e in particolar modo agli studenti di città, che troppo spesso trascorrono invece il loro tempo seduti in aula o davanti al computer. Camminare permette di evitare l’obesità, problema purtroppo molto diffuso tra i più giovani, e l’insorgere di malattie a carico dell’apparato cardio circolatorio. Inoltre, le attività previste per il 2016 nel Parco della Balossa potrebbero contribuire ad un altro interessante progetto che è in corso di svolgimento, vale a dire “RiconnettiMI: perchè un riccio passi per il Nord Milano”. Con tale iniziativa si intende ideare un percorso che permetta l’attraversamento del Parco Nord e del Parco della Balossa senza problemi né per gli animali né per gli uomini le passeggiate degli studenti potrebbero servire ad individuare dei punti di interesse grazie allo sguardo attento e acuto dei più giovani.